HOME   ▸   NEWS   ▸  

La città ideale, un momento di confronto internazionale

9 novembre 2016
Paris Region Entreprises - l’agenzia regionale di sviluppo economico della regione di Parigi - e Promosalons – il network mondiale per la promozione dei saloni francesi – hanno organizzato il 26 ottobre 2016, presso Palazzo Lombardia a Milano, una giornata di incontri e di confronto sul tema: « La Città ideale ».

Una delegazione di otto saloni francesi, leader nei settori Edilizia, Costruzione, Ambiente, Trasporti e Logistica, ha illustrato tre grandi tematiche di attualità: «Costruire la smart city », « Le scommesse/sfide del trasporto e della mobilità urbana» e «Le nuove soluzioni e tecnologie per una città sostenibile».

Questo incontro, aperto da Paul HUNSINGER, Ministro-consigliere presso l’Ambasciata di Francia, ha rappresentato anche l’occasione per presentare, di fronte a oltre 70 giornalisti  e influencer italiani, le numerose opportunità di business offerte alle aziende italiane dalla regione di Parigi  e dai suoi saloni.

 La Regione di Parigi, l’ambizione di diventare la prima eco-regione d’Europa.  
« La città ideale, è quella in cui le persone non verranno a vivere perché sono costrette a farlo» ha dichiarato  Robin RIVATON, Direttore generale di Paris Region Entreprises, «vi anticipiamo che  entro 15 anni nella Regione di Parigi vivrà 1 milione di persone in più (cioè oltre 13 milioni di abitanti). Ecco perché vicino alle stazioni del Grand Paris Express nasceranno un centinaio di ecoquartieri, cioè circa 50.000 alloggi con Ecolabel e rispettosi dell’ambiente».

 Anche Milano e la sua regione sono in prima linea per la costruzione di un futuro sostenibile. Per Pierfrancesco Maran, Assessore del Comune di Milano, in questi ultimi anni il capoluogo lombardo non è mai stato così vivace dal punto di vista di nuove edificazioni di fama internazionale, forse unico esempio in Italia di rinnovo estetico e urbanistico.

La regione di Parigi è stata pianificata secondo i principi oggi noti con il termine ‘sviluppo sostenibile’: città densamente popolata e multifunzionale, che costituisce un luogo di vita a pieno titolo, ma è anche sede di attività» ha spiegato Frédérique de BAST - Head of International Marketing di Paris Region Entreprises.

Saloni internazionali leader e innovativi, che offrono opportunità di business importanti
Olivier MELLERIO, Presidente di Promosalons, ha ricordato che la Francia è un paese grande organizzatore di saloni: “oltre 450 saloni internazionali sono organizzati in questa regione ogni anno, di cui 320 professionali e 250 nella Regione di Parigi, in molteplici settori. Una delle maggiori caratteristiche di questi saloni è di riunire realmente il mondo, perché un visitatore su tre è di provenienza internazionale e circa il 50% degli espositori sono internazionali. Storicamente l’Italia è il primo cliente dei saloni francesi: circa 51 000 visitatori e 5 400 espositori italiani si recano ogni anno ai saloni in Francia. »

COSTRUIRE LA SMART CITY
Il dibattito sulla costruzione della smart city è stato introdotto da Claudio FAZZINI, Architetto e Docente universitario di Architettura e Studi Urbani. 
Secondo Catherine ROUSSELOT del Mondial du Batiment, la costruzione di una città ideale inizia dai suoi edifici. Una città è smart se i suoi edifici sono intelligenti e sostenibili, in grado di assicurare una buona qualità di vita ai residenti e confort di utilizzo ad abitanti e fruitori. 
Per il Carrefour International du Bois, rappresentato da Cécile TOURET, il legno è una risorsa naturale e rinnovabile, assorbe CO2 e produce ossigeno. Esso è fonte di ispirazione per architetti e progettisti, capace di far convivere natura e urbanizzazione. 
Isabelle ALFANO, Direttrice del polo Costruzione presso Comexposium e Direttrice di Intermat, ha ricordato le principali sfide delle più recenti evoluzioni della attrezzature urbane per l’edilizia con un’attenzione particolare all’ambiente e alla valorizzazione dei materiali. Costruire senza distruggere è un obiettivo per le imprese di costruzione che visitano Intermat.

IL TRASPORTO E LA MOBILITA’ URBANA  
Agostino FORNAROLI, Mobility Manager e Ingegnere dei Trasporti e della Logistica, ha illustrato le prerogative di una mobilità urbana intelligente. Per Mario FIEMS, Direttore di Equip Auto, la mobilità connessa e a breve autonoma, è ormai una delle principali sfide se si considera l’incredibile crescita a medio termine della popolazione urbana nel mondo.
Jean-Claude GIROT, Direttore del salone Mondial de l’Automobile, riassume in tre parole il DNA della manifestazione e dell’auto: “Sogno, Passione, Business”. Sophie CASTAGNE, Direttore del salone Transports Publics, dichiara che i mezzi di trasporto condivisi rappresentano, con l’utilizzo della bici, una delle migliori soluzioni per spostarsi in città con un basso impatto ambientale. 

David PUECH, del salone SITL, ha sottolineato che lo sviluppo degli oggetti connessi ha un impatto considerevole sulla supply chain. Essi consentiranno di sviluppare in tempo reale una visibilità dei flussi e una tracciabilità costante delle merci, permetteranno di pilotare la catena logistica molto vicino alla realtà operativa, di sviluppare l’interoperabilità degli oggetti sull’insieme della Supply Chain o ancora di ridurre l’impatto ambientale del trasporto. 

NUOVE SOLUZIONI PER UNA CITTA’ SOSTENIBILE
Per Stéphanie GAY-TORRENTE, Direttrice dei saloni Pollutec e World Efficiency, la città ideale deve rispondere già da oggi alle aspettative dei suoi abitanti. Le amministrazioni pubbliche devono avere un approccio pragmatico per poter mettere in atto durante il loro mandato (spesso di 5 anni) soluzioni operative in materia di urbanistica, ingegneria, eco-costruzione, efficacia energetica, eco-industrie, servizi urbani e mobilità. I saloni Pollutec e World Efficiency accolgono aziende e professionisti che sviluppano soluzioni sostenibili innovative.