HOME   ▸   NEWS   ▸  

Innovazione e sostenibilità: il benessere abitativo arriva dalla canapa

24 ottobre 2016
CMF Greentech ha partecipato a Saie 2016, dal 19 al 22 ottobre a Bologna, portando in esposizione il modulo costruttivo di una casa, realizzato con pannelli prodotti da materiali naturali brevettati. CANAPAlithos® Argilla di CMF Greentech si aggiudica la medaglia d'oro al premio "SAIE Innovation-verso impatto zero".
L’obiettivo importante con cui CMF Greentech si è presentato quest’anno al Saie è quello di ripensare il modo attuale di costruire e di privilegiare un’edilizia completamente slegata dalla filiera del petrolio. Il modulo costruttivo, progettato dalla divisione Greenbuilding e in mostra a Bologna è composto da pannelli prodotti con biomateriali a base di canapa, realizzati grazie a una tecnologia brevettata che esclude la presenza di derivati del petrolio e di formaldeide, sostanza dichiarata tossica presente in moltissimi oggetti della nostra vita quotidiana.

Prodotti dalla lavorazione di scarti, CANAPAlithos, CANAPAlithos Argilla e EKOlithos sono biomateriali che si confermano, secondo le indagini sperimentali svolte in collaborazione con centri di ricerca dell’Università di Bologna, essere non solo sostenibili, ma anche in grado di garantire, se non migliorare, le prestazioni tecniche dei materiali da costruzione tradizionalmente in uso, quali isolamento o resistenza all’acqua e al fuoco.

La prestazione maggiore è tuttavia nel contenuto di innovazione che caratterizza questa famiglia di materiali naturali, sostenibili e prodotti dal recupero di materie prime in disuso e a basso impatto ambientale, come la canapa o l’argilla, che diventano simbolo della filosofia del green living e del riuso consapevole e, non ultimo, sono parte di una cultura storica e tradizionale. Innovazione appena premiata da "Saie Innovation-verso impatto zero" nella categoria "Sistemi, procedimenti costruttivi, componenti e materiali da costruzione" con una medaglia d’oro a CANAPAlithos Argilla che, con CANAPAlithos, si dimostra particolarmente adatto alla bioedilizia. Entrambi i prodotti infatti sono compatibili con le migliori classificazioni energetiche in ogni zona climatica grazie alla diversa composizione e densità.